Friday, December 15, 2006

non mi perderò il secondo episodio

giornata intensa. mi sveglio stamattina per partire a cagliari e mio fratello si presenta davanti a me. enorme sorpresa, sapevo che sarebbe tornato oggi, invece temeva lo sciopero dei mezzi, quindi di non giungere all'aeroporto (sciopero che poi è stato revocato) perciò è partito ieri sera. arriva a casa a mezzanotte. mi ha aspettato, ma io ero da monica a studiare uno smarchettamento per domenica, e sono tornata tardi. così' stamattina apro la dispensa per raggiungere i miei amati biscolussi, ancora rincoglionita dal sonno, chiudo la dispensa mi giro e me lo trovo davanti. per un attimo credevo fosse un sogno. non nel senso romantico del termine, credevo di essere ancora addormentata, anche perchè ho sognato molto stanotte. invece no, e grandi abbracci e grandi feste. colazione, doccia e partenza a cagliari. fila interminabile per entrare in città, un'idiota(l'apostrofo indica appartenenza di idiota al sesso femminile) ha deciso di non guardare davanti mentre ci esercitavamo tutti nel gioco frizione acceleratore freno frizione, e così mi è venuta addosso. la macchina con cui viaggiavo l'abbiamo acquistata solo una settimana fa. cosa volete che sia. ma io, memore delle puntate di my name is earl, mi sono sentita in dovere, dopo aver urlato dentro l'abitacolo "ma sei una puttanaaaaaaaaa!!!!!" di scendere dalla macchina e sorriderle e dirle "tranquilla, non è successo nulla", davanti ai suoi "scusami!scusami!!" imploranti (scusami un cazzo. la guardavo dallo specchietto retrovisore da un pezzo, credo che mandasse messaggini col cellulare, non guardava mai la strada, così...diciamo che me lo aspettavo che mi sarebbe finita addosso), il tutto dopo aver appurato che alla fine il danno erano due mini raschietti quasi invisibili, che saranno i primi puntiruggine della nostra macchina nuova porco cazzo. e i puntiruggine, cara mia automobilista distratta, ti verranno a trovare nel sonno. fai come me e earl, segnati una lista di cose a cui devi rimediare, fallo, è il tuo karma che lo impone. effettivamente io qualche anno fa per evitare che un tizio mi venisse addosso, in una strada piuttosto stretta, ho toccato la macchina di un ragazzo, che vedendomi sconvolta mi ha detto "stai tranquilla, non è niente, il danno l'hai fatto alla tua macchina, non tanto alla mia". mica se ne incontrano spesso tipi così. dovevo espiare una colpa. oggi l'ho fatto. quindi il prossimo che mi viene addosso, anche fosse solo un graffietto il danno, gli salterò alla gola peggio di un vampiro.
giungo a cagliari per cantare all'esame di andrea. becco pigi. non lo vedevo dai concerti al jazz expo. bacini e mi dice" tanto so sempre come stai" ovvero "leggo sempre il tuo blog e so sempre come stai" e questa in fondo è uan cosa carina. salgo su e trovo manu, anche lui non lo vedevo dal jazz expo. e anche lui come pigi sa sempre come sto. perchè legge il blog (eddai, almeno due lettori sono sicuri, più vocina smusi leti mio fratello bibi quintin e stramonio e ciski...uh quanti!). alla fine sono contenta di avere il blog, se non altro pigi e manu sanno sempre come sto.
alle due e mezza esame di andrea. canto, non benissimo. ma andrea prende trenta, che orgoglio!!! ma quanto sono contenta? anche perchè se non avesse preso trenta sarebbe stata senz'altro colpa mia, quindi...bene...stasera cena con ex compagni di classe del liceo, solo qualcuno. quelli con cui ancora mi sento. spero non ci siano troppi ex compagni realizzati, stralaureati e grandi lavoratori, che hanno girato il mondo,...perchè credo non potrei reggere. ma almeno mangio la pizza e ci sta. anche se sono a dieta. passo e chiudo.
ah, il titolo non c'entrava un cazzo con il post, ma era così carino che ho deciso di metterlo

No comments: