Saturday, November 17, 2007

jazz in sardegna, pensierini

mancano ancora due serate. forse sto ancora aspettando concerto che sia il concerto, come è stato l'anno scorso charles lloyd e poichè so benissimo che la cosa è improbabile...mannaggia a charles lloyd. se non ci fosse stato mai quel concerto, adesso tutti i concerti mi sembrerebbero bellissimi.

comunque, le sorprese più piacevoli finora sono venute dagli amici, dai signori nessuno, sono le cose che ho apprezzato di più. e che non si scoccino che li chiamo signori nessuno, non che siano nessuno, ma suonano ai festival in cui c'è dejohnette, rava e bollani, e loro mi sono piaciuti molto di più, rossella e i suoi occhioni neri neri e il suo baa-bà, francy e il brasiliano e l'inglese perfetto e la musica e il suo sunflower, il nat che suona al freddo e al gelo, come gesù bambino! e poi la conferma che gavino murgia è meravigliosamente bravo. e paul wertico troppo americano e comunque non portava il piatto come con pat metheny e non amo i chitarristi. così non ho avuto la pazienza di seguirlo.

oggi prometto che avrò meno aspettative di ieri. ma che dico, ho solo voglia di sentire buona musica, forse fatta un pò più col cuore che con l'esperienza, "come faceva coltrane", come vorrei fare io per sempre. cioè , chiedo tanto? stasera dò una chance (ah ah ah!) a tomasz stanko, e christan wallumrod, che scrivo il cognome solo perchè fa coppia con fred frith (che ne sapete di un campo di grano...) e domani confido nella voce di kristin asbjornsen. e se sapete come si fa a usare i caratteri dell'alfabeto dei folletti nordici, ditemelo che qua mancano le lettere corrette.

e in due giorni acquistati ben due cd degli esbjorn svensson trio, e anche questo nome accidenti!
mah visto che ci sono provo anche a scrivere fiuczynski senza guardare. ho scritto giusto?

No comments: