Friday, December 21, 2007

prato fiorito

una sosta forzata da internet (che poi diciamolo, mica fa così male) ha fatto si che rimettessi mano alla sezione giochi del mio pc.

intanto, prato fiorito, una volta campo minato. ma dopo terrorismo e guerre si è preferito così. se non sapete di cosa io stia parlando, è solo perchè siete dei macchisti spocchiosi, e non lo so se vi sopporto.

comunque, campo minato è praticamente quel gioco che ci stanno tutte le mine e tu devi scoprire dove stanno, segnando con dei segnamine dove secondo voi stanno le mine e lo potete capire perchè le caselle che non hanno mine hanno dei numeri che ti indicano quante mine ci sono nelle otto caselle intorno a quella col numero. se non ci avete capito un cazzo, e ne avreste tutte le ragioni, potete trovare sicuramente le istruzioni su internet. ammesso che la telecom ve lo permetta.

giocare a campo minato è per me una soddisfazione. sono bravissima. ma dopo un paio di volte consecutive che ci gioco perchè non c'ho un cazzo da fare, o ce l'avrei ma non c'ho voglia di farlo, il mio cervellino va in corto circuito completamente. e se col pulsante sinistro del mouse libero le caselle, e con il destro posiziono i segnamine, tutto d'un tratto inizio a cliccare senza consapevolezza il destro quando dovrei cliccare il sinistro e allora bum! tutto esplode!

si perchè anche se per colpa di guerra e terrorismo non l'hanno chiamato più campo minato ma prato fiorito, il risultato è sempre quello. ovvero: evitare le mine. o le margherite. ok il pacifismo, occhei mettere i fiori nei nostri cannoni, solo che non capisco perchè.

non capisco l'attinenza tra bombe che esplodono e margherite. prima poteva avere un senso il gioco. evito le mine perchè esplodono. e io muoio. e la faccina che c'è su nel tabellone di gioco diventa triste quando esplodono. ma le margherite.

a me le margherite stanno pure un pò sul diaframma, perchè puzzano terribilmente. e per quanto mi piaccia fotografarle, specie se belle di campo, mi prende l'orticaria a stare vicino alle margherite. perciò tutto sommato chissenefrega se ammazzo una margherita, non ho mai avuto il pollice verde, non sono mai stata ecologista. tuttavia qualcuno potrebbe amare le margherite e quindi essere felice di scovarle, perciò il senso logico del gioco andrebbe tutto a puttane.

se siete intristiti per questo post tutto sommato di merda, potete prendervela con la telecom. non mi sarei mai più rimessa a giocare con quei giochini del cavolo, non fosse stato per la telecom. e adesso ho fatto pure pubblicità a bill gheiz.

nel frattempo silvio ha detto che se uno sta in rai, è o perchè si prostituisce, o perchè è di sinistra. e a luttazzzi l'hanno mandato via solo perchè ha nominato la santanchè in completo sadomaso.
e in ogni caso mi chiedo invece per leggere i telegiornali a mediaset cosa bisogna fare...ah giusto...non sono telegiornali!

4 comments:

hyacintgirl said...

io da quando si chiama prato fiorito non ci ho più giocato. troppo poca violenza.
o forse era da quando ho iniziato a fare fulltime al lavoro? che poi qui si sta in mac...

beh. in ogni caso, margherite? pfui.

LiFFo said...

Che siamo spocchiosi è una tua opinione, mentre il dato di fatto è che il nostro gioco perditempo di default sono gli scacchi, giochi seri per gente seria su computer seri, niente a che fare col vostro campo minato peace keeper, che attira il bambino che sta in te con la scusa di giocare a m'ama/non m'ama (che perdo sempre anche a quello) e poi ti ritrovi una gamba mozzata da una mina antiuomo a forma di vegetale.

Dida said...

...io a campo min...FIORITO non so giocare, muo... M'INFIORO sempre.
Quindi preferisco un sano solitario o un othello via msn...

Mumucs said...

liffo come ben sai...la mia è tutta invidia.

hyacint, comprendo il tuo punto di vista. la violenza mi manca pure a miaaaa

dida: io invece sono attiratissima da quei quadratini. e basta!