Sunday, April 20, 2008

in utero

come ringiovanire di tredici anni circa in una sera. andando a sentire una cover band dei nirvana. progettavo di infilarmi negli anfibi e pantaloni militari anni novanta e camcione a quadri per l'occasione ma non ci stavo più. ho optato per abbigliamento anni duemila, molto più consono alla mia stazza.

quello che notavo erano i giovani di adesso, che conoscono i nirvana perchè tanto ci passiamo tutti, per i nirvana, servono un pò a svezzarci, a farci perdere quell'odore di latte che abbiamo intorno ai sedici diciassette anni, quando ormai la nostra testa dice fuck a tutto quanto. cantano le canzoni, alzano gli occhi al cielo incazzati. i testi non li sanno proprio bene, quello che conta è smascellarsi, smandibolarsi, pronunciare le parole in maniera molto articolata, che se parli normalmente la mandibola non si muove così tanto. e allora sembrano posseduti dal demonio, c'è bisogno di aprire così tanto la bocca? mi chiedo io. non mancano unghie laccate di nero e matita nera sotto l'occhio pronta a sciogliersi al primo accenno di 20gradi centigradi. il tutto però correlato da magliette troppo trendy per essere anni novanta, e collane troppo trendy per essere incazzate. come puoi cantare I'm a negative creep con magliettine tipo monella vagabonda? misteri della fede.


4 comments:

vocina said...

Ihihi.. Gran post.. parole sante!

Dida said...

Tu ovviamente immagini quanto mi sarebbe piaciuto esserci, ma nessuno come al solito ha voluto accompagnarmi... comincio a pensare che non mi portino a sentire certa musica per paura che faccia tipo Dott.Jekyll/Mr. Hyde... il che non è troppo lontano dalla realtà...

lethiz said...

credo di non aver mai sentito una canzone di nirvana in vita mia.

hyacintgirl said...

io è da un po' che ho rispolverato i doctor marten's, in onore di quei bei tempi in cui i nirvana avevano un senso.
le camicie di flanella no, però, mi sa che quelle le ho buttate (sigh).