Wednesday, September 23, 2009

needing uomo nero

come quando eri bambino. l'uomo nero, l'incrnazione di tutte le paure, quello che non conosci e che ti farà del male perchè è un sadico di natura, non perchè tu gli sia antipatico o che. ma se non c'è uomo nero, di che cosa dovresti avere paura? che poi diciamolo, già ti cantano quella cazzo di nenia, questo bimbo a chi lo do, lo darò all'uomo nero che lo tiene un anno intero. ma perchè dovresti dare il bambino via per un anno, e glielo dici pure mentre lui si addormenta! bambino rimane traumatizzato per sempre. io, per esempio.

è sin da piccoli che ci hanno abituati al male, all'uomo nero. al nemico. e non ne possiamo fare a meno. senza un nemico, un cattivo di turno che ci fa del male probabilmente non righeremmo dritto nemmeno una volta. il male ci serve per la disciplina. quando il male non c'è, ce lo inventiamo. se no passiamo dritti e facciamo finta di niente. credo che sia un pò per questo che tipo in sudan o in darfur non ci andiamo, a portare la democrazia. nonostante il colore della pelle, gli africani non sono nemici. non hanno mai mandato video in orbita dicendoci che ci conquisteranno, e non sia mai! che noi popoli occidentali ci facciamo conquistare da qualcuno, noi, che siamo avanti a tutti, ma che non ci rendiamo conto che occidentale è chi sta a ovest, e la terra è sferica e staremo pur sempre a est di qualcun altro. noi, che siamo superiori di cultura, che quando in "oriente" e in "africa" scrivevano e studiavano le stelle, noi forse facevamo ancora versi gutturali. se gli africani ci minacciassero di morte forse andremo lì e imporremo la democrazia, armati. perchè si, perchè noi ci difendiamo e la migliore difesa è l'attacco, mica possiamo stare qui ad aspettare che ci attacchino, noi facciamo così, andiamo da loro e magicamente imponiamo delle regole democratiche, io piuttosto avrei fatto uno scudo spaziale così col cazzo che mi attaccavi quando io a casa mia nemmeno ti cercavo. ammesso che siamo lì per la democrazia. perchè è su questo che dovremmo avere dei dubbi

No comments: